Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Social Worker
Who's online now
We have 7 guests online
Home

PostHeaderIcon Si può affamare il cancro con l'alimentazione?

There are no translations available.

Questo video, pubblicato nel 2010 racconta della rivoluzione dell'antiangiogenesi come modalità per bloccare il processo con cui il nostro corpo forma i vasi sanguigni. Questo processo potrebbe rivoluzionare il modo di curare le malattie ed in particolare il cancro.Per apprezzare meglio l'esposizione dell'autore vi consigliamo di vedere il video con i sottotitoli in italiano.

Per visualizzare il video, cliccate sul link :

http://www.ted.com/talks/william_li?language=it

Di seguito, riportiamo la trascrizione in italiano.

 

Last Updated (Wednesday, 11 February 2015 14:04)

Read more...

 

PostHeaderIcon Empatia: un requisito essenziale nelle cure palliative.

There are no translations available.

Nell'accompagnare un malato nelle ultime settimane di vita la preparazione del personale delle Equipe di cure palliative è un aspetto fondamentale. Frequentemente le richieste da parte dei familiari possono creare incomprensioni tra il personale curante e le esigenze emotive dei familiari.Per qualsiasi persona abituarsi all'idea di perdere una persona amata comporta la ricerca di ulteriori terapia che possano prolungare la vita del malato.Dal momento che il malato oncologico in breve tempo può passare da una fase dove è possibile ricorrere a nuovi schemi di terapia ad un improvvisa interruzione di modalità terapeutiche "curative" per aprire il  capitolo delle cure palliative. Non è quindi facile per le equipe di cure palliative subentrare con modalità di supporto e cercare di convincere la famiglia, che tutto ciò che si può fare, è accompagnare il malato con semplici  terapie che mirano al contenimento dei sintomi ed al miglioramento della qualità della vita.Per il personale sociosanitario grazie all'esperienza sul campo è facile suggerire le  soluzioni che sembrano più idonee allo stato clinico del malato. Spesso lo stesso malato, non sempre informato sulla reale situazione, e sopratutto i familiari, si aspettano  nuove possibilità terapeutiche. Questo atteggiamento della famiglia in genere viene etichettato come "negazione" rispetto ad una realtà più cruda e difficile da accettare. Per questo motivo vi invitiamo a leggere la trascrizione dell'intervista di una giornalista americana Amanda Bennet  che ha vissuto in prima persona questa situazione e che racconta la esperienza dalla parte di un familiare di un malato e delle possibili incomprensioni tra famiglia e curanti. L'intervista a TED talks si chiama "Abbiamo bisogno di un racconto epico per la morte":


Last Updated (Monday, 09 February 2015 12:13)

Read more...

 

PostHeaderIcon La solidarietà: una scelta di vita.

There are no translations available.

Nel guardare la intervista a Michael Norton, che qui vi proponiamo, apparsa su TED Talks, ho ripensato ai primi anni della storia della Nostra Associazione, quando non essendoci alcun sostegno pubblico la Ryder Italia Onlus riusci non solo a continuare l'assistenza a numerose famiglie ma ad incrementare gradatamente il proprio personale grazie al sostegno economico di numerosi sostenitori. Quello che ci colpi maggiormente fu la spontaneità di molte persone che generosamente aiutarono il nostro servizio gratuito di assistenza  domiciliare.Spesso ci siamo chiesti perchè tante persone sostengono associazioni non profit come la Nostra.In questa intervista potrete comprendere meglio le motivazioni che spingono le persone ad essere generosi verso gli altri.

Last Updated (Monday, 09 February 2015 12:15)

Read more...

 

PostHeaderIcon Grazie a Voi!

There are no translations available.

Dalla data della nostra Fondazione, nel lontano 1984, ad oggi, abbiamo ricevuto decine di attestati di stima da parte dei familiari dei nostri assistiti. Questo senso di riconoscenza che percepiamo quotidianamente attraverso le lettere e le donazioni che riceviamo ci sprona ad andare avanti, a dispetto delle difficoltà che un periodo come questo naturalmente genera in una Onlus che offre assistenza gratuita.

Per ringraziarvi del Vostro appoggio, nel 2011 abbiamo pubblicato un libretto che racchiude le lettere più significative che abbiamo ricevuto in questi anni. Ma dopo aver ricevuto la lettera che segue, forse è il caso di farne una seconda edizione, includendo le lettere fino al 2014.


Last Updated (Monday, 22 December 2014 14:50)