L’importanza della dieta nel prevenire molte patologie legate all’invecchiamento.

È opportuno scegliere bene i cibi da mangiare e quando è possibile evitiamo inutili integratori.

Gli integratori alimentari infatti sembrano non aiutare a vivere più a lungo e possono essere dannosi. Una recente ricerca dimostra che l’assunzione di integratori alimentari non sembra prolungare la vita, secondo questi ricercatori gli integratori presi in grandi quantità possono anche risultare nocivi.

In uno studio uscito recentemente nella rivista Annals of Internal Medicine, gli scienziati hanno raccolto numerose Informazioni sulle abitudini dietetiche in quasi 31.000 uomini e donne di età compresa tra 20 anni ed oltre sino ad un’età avanzata. In questo studio i ricercatori hanno anche raccolto dati sugli integratori utilizzati negli ultimi 30 giorni, inclusi il tipo, il dosaggio e la frequenza di utilizzo. Poco più della metà dei partecipanti ha preso integratori e circa un terzo ha assunto multivitaminici.
Nel corso di più di sei anni, ci sono stati 3.613 decessi, tra i quali 945 dovuti da malattie cardiovascolari e 805 in seguito ad un tumore. In generale, dopo un adeguato aggiustamento per caratteristiche di salute e abitudini di vita, è stato appurato che l'uso di integratori alimentari non ha avuto alcun effetto benefico sulla mortalità. Un apporto adeguato di vitamine A e K, magnesio, zinco e rame è stato associato a riduzioni della mortalità in tutte le patologie , ma solo quando le sostanze provenivano da alimenti, non da integratori.
L'assunzione di 1.000 o più milligrammi di calcio al giorno era associata ad un aumentato rischio di morte per cancro e gli integratori di vitamina D in dosi superiori a 400 UI al giorno erano associati a un aumento della mortalità per qualsiasi patologia.
"Gli integratori alimentari non sostituiscono una dieta sana ed equilibrata", ha affermato l'autore della ricerca, il dott. Fang Fang Zhang, professore associato di epidemiologia presso la Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University. "Dovremmo mirare a un'alimentazione adeguata attraverso la dieta piuttosto che contare su integratori che risultano anche costosi.

In un altro studio pubblicato nel 2017 alcuni ricercatori hanno evidenziato i benefici di una dieta ricca in fibre che sembra associarsi con un minor rischio di sviluppare l’artrite delle ginocchia.

L'artrosi del ginocchio, che è comune nelle persone che invecchiano, può essere sia dolorosa che debilitante.
I ricercatori hanno utilizzato i dati di due studi osservazionali a lungo termine, uno con 4.796 soggetti e l'altro con 1.268. La nuova analisi è stata pubblicata in Annals of the Rheumatic Diseases.
Con l'aumento del consumo di fibre, la prevalenza dell'artrite è diminuita. Nello studio più ampio, quelli che mangiavano più fibre avevano il 30% in meno di probabilità di avere l'artrosi del ginocchio rispetto a quelli che mangiavano meno, e nello studio più piccolo, l’artrosi era il 61% meno frequente. Questa associazione persisteva anche dopo aver controllato per età, sesso, razza, educazione, fumo, apporto calorico totale, attività fisica, assunzione di grassi polinsaturi e altri fattori dietetici.
Il meccanismo non è chiaro, ma la fibra può ridurre l'infiammazione e aiutare a controllare il peso. L'assunzione media di fibre nello studio era di 15 grammi al giorno, ma il livello raccomandato è di 25-30 grammi al giorno per la maggior parte delle persone.
"L'aumento della fibra alimentare è uno dei modi più economici per ridurre il dolore dell'osteoartrosi del ginocchio", ha detto l'autore principale, Zhaoli Dai, un borsista postdottorato presso la Boston University. "E ci sono anche molti altri benefici: riduzione del peso, riduzione del rischio cardiovascolare, riduzione del rischio di diabete."

Choose Foods, Not Supplements New York Time 8-Aprile 2019 Nicholas Bakalar

High-Fiber Diet Tied to Less Knee Arthritis By Nicholas BakalarMay 24, 2017