Come l’attività fisica può influire sullo sviluppo dei tumori

Categoria: Medicina e Società
Pubblicato: Martedì, 23 Aprile 2019 16:13
Scritto da Giovanni Creton
Visite: 406

Uno dei più importanti benefici dell'esercizio fisico è la capacità di ridurre il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro - in particolare il tumore del colon-retto, che secondo alcune stime sembra la neoplasia più  dipendente dall'attività fisica.  Ma come  e quanto l'attività fisica possa salvaguardare lo sviluppo del cancro del colon rimane in gran parte ignoto. 

L'attività fisica accelera il movimento dell’intestino, infatti spesso durante un allenamento agli atleti  accade  di dover cercare un bagno.  Ma questa sola spiegazione  non sembra chiarire pienamente gli effetti protettivi dell'esercizio fisico.

Recentemente , un piccolo studio pubblicato a febbraio su The Journal of Physiology suggerisce che sembrano più importanti  le modifiche che avvengono nel nostro flusso sanguigno dopo l'esercizio fisico.

Il nuovo studio è stato portato avanti dagli scienziati dell'Università del Queensland a Brisbane, in Australia, che assieme  ad altre istituzioni  hanno  reclutato  20 uomini sopravvissuti al cancro del colon.  (Le donne sono state escluse perché la presenza del ciclo avrebbe potuto influire sui risultati).

Gli scienziati hanno suddiviso gli uomini in due gruppi da 10.  Al primo gruppo di 10 uomini è stato chiesto di iniziare ad allenarsi intensamente per un mese,  tre volte alla settimana: pedalando  su una cyclette da palestra per quattro minuti, riposando per tre e ripetendo la stessa sequenza altre tre volte. Al termine del programma  sono stati sottoposti ad un esame del sangue.  Gli altri 10 uomini hanno completato la stessa sessione di allenamento  ad  intervalli di 4 minuti per 4 minuti ma solo per una volta.  I ricercatori hanno estratto il sangue prima, immediatamente dopo e altre due ore dopo l'allenamento.

Gli scienziati hanno poi aggiunto con cura una piccola quantità di siero di sangue degli uomini in capsule di Petri contenenti cellule tumorali di colon umano, le stesse utilizzate per studiare la crescita del cancro.  In diverse capsule di petri durante le 72 ore successive, i ricercatori hanno contato il numero di cellule in ciascun piatto.  Ben presto sono state osservate differenze sostanziali.

Nelle capsule di Petri contenenti il sangue prelevato dagli uomini immediatamente dopo un singolo allenamento, gli scienziati hanno contato un numero minore di cellule tumorali rispetto a quelle con sangue prelevato due ore dopo l'esercizio.  Non c'era un simile declino nelle capsule di Petri degli uomini che si erano allenati per  un mese ma con il sangue prelevato dopo il riposo.  In effetti, qualcosa sul sangue estratto immediatamente dopo l'allenamento sembrava  rallentare la crescita delle cellule tumorali.

I ricercatori ritengono di aver identificato il motivo nelle successive analisi del sangue degli uomini.  Infatti i  ricercatori Hanno trovato un grande aumento di molecole coinvolte nell'infiammazione nel sangue  subito dopo l'esercizio fisico.  L'infiammazione può rallentare la crescita e la riproduzione delle cellule.  Quindi un aumento transitorio dei marcatori infiammatori dopo l'esercizio potrebbe aiutare a bloccare la proliferazione delle cellule tumorali, afferma Tina Skinner, una fisiologa che è stata l'autore principale dello studio.

Le implicazioni di questi risultati sono sia di incoraggiamento che di cautela.  I cambiamenti nel sangue degli atleti erano potenti ma "transitori", dice Skinner.  Quindi queste attività protettive  dovrebbero essere ripetute nel tempo per fornire una protezione continua, e non è chiaro quanto intenso o prolungato debba  essere l'esercizio ideale, o se gli effetti siano validi per combattere altri tipi di cancro.  Ma anche così, Skinner dice: "Raccomandiamo che l'esercizio sia incorporato come parte del programma di follow-up per le persone che vivono con un l tumore  o sopravvivono a questo.".

Articolo tradotto dal New York Times 

Why does exercise guard against cancer? Inflammation may play a role.

G.Reynold 22-4-2019 Health NYTimes