Perché è importante fare la vaccinazione contro l'influenza

È ormai da mesi che nel nostro Paese si parla del problema della vaccinazione per i primi anni di vita senza che apparentemente le contrastanti posizioni si siano in qualche modo avvicinate. Credo che parte della colpa sia dovuta ad una cattiva informazione o soprattutto ad una carente conoscenza da parte del pubblico della realtà, anche numerica, del problema nascosto dietro questo dibattito. In un articolo uscito recentemente sul New York Times scritto da Aaron E. Carrol si affrontano in modo semplice e con il supporto di pochi dati molto convincenti le motivazioni del perché un adulto di qualsiasi età dovrebbe sottoporsi alla vaccinazione contro l’influenza.

È difficile cercare di convincere le persone a sottoporsi a questa particolare vaccinazione perché molti in realtà non ne comprendono a pieno l’importanza. Dopo tutto, per la maggior parte degli adulti, il vaccino antinfluenzale è un inconveniente e molti ritengono improbabile di poter contrarre l'influenza nel corso di un determinato anno. Allora perché preoccuparsi?
Altri, tra i fortunati, che per anni sono stati colpiti in modo lieve dalla malattia, non capiscono perché sottoporsi ad una terapia inutile. Entrambi arrivano a concludere che in fin dei conti si può evitare di fare il vaccino .
Perché l'influenza è allora un grosso problema sanitario?
L’influenza può avere conseguenze tragiche ed inoltre è molto diffusa. L'infezione comunemente chiamata influenza, si diffonde facilmente. Si può prenderla da qualcuno che tossisce, starnutisce o da chi ti parla persino da sei metri di distanza. La persona colpita può infettare gli altri già dal giorno prima di manifestare sintomi e fino a una settimana dopo aver contratto la malattia. I bambini possono trasmettere il virus per ancora più tempo. L'influenza non è una malattia che ha l'obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie quindi la sua prevalenza può essere solo stimata. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie americano (CDC) ritiene che dal 2010 negli Stati Uniti ogni anno, tra 9,2 milioni e 35,6 milioni di persone sono stati colpiti da questa patologia. Ciò significa che in un anno con alta incidenza di casi, più di una persona su 10 negli Stati Uniti potrebbe venir colpita dal virus.
Molte di quelle persone finiscono in ospedale. In un anno con bassa incidenza di infezioni, potremmo riscontrare solo 114.000 persone ricoverate in ospedale per malattie associate all'influenza. In un anno con un elevato numero di casi il numero sale a oltre 700.000.
Nel 2014, oltre 57.000 persone sono morte di influenza / polmonite, cioè negli USA l’influenza stata l'ottava causa di mortalità, dietro al diabete (poco meno di 80.000 morti). È anche l'unica causa di morte tra le prime 10 che potrebbe essere significativamente ridotta dall’utilizzo di un vaccino. Abbassare i rischi di malattie cardiache, cancro o Alzheimer è molto più difficile.
Nel 1995, l'anno peggiore dell'epidemia di AIDS negli Stati Uniti, morirono meno di 51.000 persone. Nel 2014, poco più di 6.700 morti erano attribuibili direttamente all'HIV. Eppure è l'HIV, non l'influenza, che le persone temono molto di più.
Poiché l'influenza è così comune, tendiamo a minimizzare la sua importanza. Consideriamo il modo con cui gli Stati Uniti alcuni anni fa hanno risposto alla possibile diffusione dell’Ebola. Ci sono stati pochi casi di infezioni, quasi nessuna di queste è stata contratta negli USA. Una sola persona è morta. Eppure alcuni Stati americani hanno preso in considerazione di emanare il divieto di viaggiare, mentre altre Amministrazioni pubbliche hanno iniziato a mettere in quarantena le persone. In tutto il mondo, poco più di 10.000 persone sono morte durante l’epidemia di Ebola nell'Africa occidentale del 2014-15 : una malattia relativamente nuova e spaventosamente contagiosa che le persone temevano potesse diventare una pandemia globale. Non sorprende che abbia avuto molta attenzione. Eppure le decine di migliaia di persone che morirono di influenza negli Stati Uniti lo stesso anno non hanno fatto notizia. È possibile che così tanti adulti ignorino il pericolo perché l’influenza raramente li colpisce direttamente. La maggior parte delle ospedalizzazioni e dei morti avvengono tra i bambini e gli anziani. Le percentuali di ospedalizzazione di coloro che hanno meno di 5 anni, sono il doppio di quelle degli adulti sotto i 50 anni. Le percentuali tra i 65enni e gli anziani possono essere 10 volte superiori a quelle degli altri adulti. Quasi i due terzi dei decessi sono tra le persone anziane.
Quindi gran parte di questo scenario è prevenibile. Il CDC ha stimato che nella stagione influenzale 2015-2016, il vaccino antinfluenzale è riuscito a prevenire oltre cinque milioni di casi di influenza, circa 2,5 milioni di visite mediche e più di 70.000 ricoveri. È stato anche stimato che ha impedito 3.000 morti. Se solo il 5% in più di persone fosse stato immunizzato, si sarebbero potuti evitare 500.000 casi di malattia, 230.000 visite mediche e 6.000 ricoveri.
Dovremmo anche notare che la stagione influenzale 2015-2016 è stata anche lieve. Ma non sempre è così. Teoricamente potrebbe avvenire qualcosa di simile a quello che è successo con l'influenza spagnola nel 1918-1919. Un terzo della popolazione mondiale era infetto e circa 675.000 americani sono morti per l'influenza.

Le persone che rientrano in uno dei gruppi a basso rischio (ad esempio, gli adulti di età compresa tra 18 e 50 anni), tendono comunque pensare che l'influenza non sia un problema così grande e che non ci si debba preoccupare molto. Molti sostengono che ci sono prove che il vaccino non impedisce di contrarre l'influenza, anche se potrebbe mitigare gli effetti della malattia. Ma è importante ricordare che non ci si vaccina solo per proteggere se stessi. Si viene immunizzati anche per proteggere coloro che non possono fare la vaccinazione.
Prendiamo il caso della varicella, causata da un virus, ed è sempre stata considerata come una "seccatura". Quando il vaccino fu introdotto nel 1995, alcuni si sono chiesti se questa vaccinazione fosse necessaria anche per i bambini, dal momento che la maggior parte di coloro che hanno avuto la malattia rimanevano in buona salute. La maggior parte dei pediatri non furono d'accordo sopratutto quelli che si si sono presi cura dei molti bambini piccoli che erano stati ricoverati in ospedale in seguito alla malattia e che riscontrarono il numero sorprendente dei bambini piccoli che morirono in seguito alla varicella.
Uno studio pubblicato su Pediatrics nel 2011 spiegava perché pensare solo a se stessi è il modo sbagliato di guardare alla vaccinazione contro la varicella. Lo studio ha mostrato è che dal 2001 al 2007, con l'aumento dei tassi di vaccinazione, i tassi di morte per varicella risultano bassi, con solo pochi bambini che muoiono di varicella a livello nazionale ogni anno. Ma più significativo, dal 2004 al 2007, non un bambino di età inferiore a 1 anno è morto negli Stati Uniti dalla varicella.
Dal momento che non si vaccinano i bambini < di 1 anno ma solo i più grandicelli, possiamo dedurre quindi, che le morti di quei bambini piccoli non sono state prevenute perché sono stati vaccinati ma le loro morti sono state prevenute perché abbiamo vaccinato i loro fratelli più grandi. La vaccinazione ha permesso di raggiungere l'immunità del gregge necessaria per rallentare o prevenire in modo significativo i tassi di infezione.
Gli adulti devono essere vaccinati per proteggere bambini e neonati. Per un adulto è giusto farsi vaccinare per proteggere le persone anziane e gli immuno-compromessi. Questo è vero per quasi tutte le malattie, compresa l'influenza. Meno del 50% dei bambini è immunizzato contro l'influenza. Circa i due terzi delle persone di 65 anni e più sono vaccinati.
Ma solo un terzo degli adulti da 18 a 49 anni lo sono.
Tutte le persone adulte possono, vaccinandosi , farlo non per se stessi, ma per quelli che amano e sono moltissimi.

 

https://www.nytimes.com/2018/01/15/upshot/flu-shot-deaths-herd-immunity.html?rref=collection%2Fbyline%2Faaron-e.-carroll&action=click&contentCollection=undefined&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=1&pgtype=collection